Mondiale per Club: Trento torna sul trono

trento-civitanova 3-1 (25-20, 22-25, 25-20, 25-18)
E torna sul trono Trento vincendo il quinto Mondiale per Club, sai anni dopo l’ultima volta nel 2012. Non finisce l’incubo secondo posto per Civitanova che, dopo Kazan, cede anche nella finale contro la squadra di Lorenzetti in una partita giocata con poca lucidità e tanti alti e bassi.
la partita — Inizia con lucidità Trento, bene coi soliti Russell e Lisinac mentre Civitanova spinge un po’ troppo sbagliando e si innervosisce: sul 6-4 del primo set per i trentini la Lube ha già bruciato i due challenge. Ed è il centrale serbo della Diatecx a guidare l’assalto di Giannelli e soci che tentano la fuga sul 15-12. Il muro di Trento è sempre molto presente e Civitanova fatica a passare (Sokolov a parte) lasciando agli avversari il primo set. Parte bene anche nel secondo set la squadra di Lorenzetti mentre la Lube insegue con rabbia e impatta sul 6-6. Il primo vantaggio arriva su un muro di Stankovic e Bruno su Kovacevic al 10-9. Poi l’ace di Simon su Kovacevic dà il primo break marchigiano. Ma la squadra trentina non molla, continua ad attaccare con continuità con Kovacevic e Russell e Vettori che cresce. Risponde a muro la Lube più attenta e meno fallosa in attacco. L’equilibrio arriva fino alla fine del set quando il muro della Lube prende il sopravvento e chiude con Simon.
la svolta — Il livello tra le due squadre è molto alto con un grande equilibrio che prosegue anche nel terzo. Kovacevic e Russell da un parte, Juantorena e Sokolov dall’altra trascinano le squadre in un duello avvincente. Russell infila il primo break di Trento sul 10-8. Sokolov risponde con autorità per il 10-10. È ancora Trento ad andare avanti mentre Bruno cerca con più insistenza i centrali. Simon non spreca, come è attento a muro ed aggancia gli avversari a 16. È Candellaro a dare il break giusto a Trento sul 21-18. Lisinac conquista il primo set point e chiude Sokolov mandando fuori. Il quarto inizia con l’inserimento di D’Hulst su Bruno. Trento va subito avanti con Kovacevic e Candellaro a muro 5-2. È Stankovic a servizio che propizia l’aggancio. Ancora avanti Trento con Kovacevic a servizio che sigla il 19-15 con due ace. da lì in poi Trento non molla più e chiude con Russell.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *