Modena in tripudio, Monza si deve inchinare

Con Civitanova e Trento che si sfidano in Polonia nella finale del Mondiale per club, le altre in campo per la decima giornata di Superlega.
PERUGIA-RAVENNA x-x () — Segue servizio
VERONA-PADOVA x-x () — Segue servizio
MONZA-MODENA 0-3 (23-25, 23-25, 25-27) — Alla Candy Arena tutta esaurita (4117 spettatori) un pomeriggio di grande festa della pallavolo, con i fan brianzoli a sognare un secondo “colpaccio” – dopo la vittoria di una settimana fa a Perugia – e tributare l’omaggio all’avversario più temuto, Ivan Zaytsev, ma anche agli azzurri modenesi reduci dal Mondiale. Alla fine di un match più combattuto di quanto emerga dal risultato, vince con merito Modena, trainata da un Tine Urnaut irrefrenabile (mvp, 14 punti) e dalla solita prova di sostanza di Ivan Zaytsev (best scorer, 20 punti). Soli schiera la diagonale Orduna-Ghafour, al centro Beretta-Yosifov, in banda Dzavoronok-Plotnytskyi, libero Rizzo. Velasco risponde con Christenson-Zaytsev, Anzani-Mazzone D, Urnaut-Kaliberda, Rossini. Primo set. Primo mini break dei brianzoli con l’attacco di Ghafour e l’ace di Orduna (12-10), ma gli emiliani riportano immediatamente la parità (12-12, ace del regista americano), contro-break Vero Volley: 14-12, fallo di doppia di Urnaut. Nella fase mediana di un set caratterizzato da un gran lavoro difensivo di entrambe le formazioni la Vero Volley mantiene il mini vantaggio lavorando bene a muro (20-18, Dzavoronok ferma sotto rete Zaytsev), ma nel finale gli ospiti con i due ace di Christenson (20 pari) e Urnaut (22-24) indirizzano il parziale, chiuso dal muro di Anzani su Ghafour. Secondo set. Velasco parte con lo Bartosz Bednorz per Kaliberda. Subito 4-0 per Monza, ma dai 9 metri lo “Zar” mette due ace (4-3) accorciando la distanza degli ospiti. Segue una fase punto a punto fino al nuovo servizio vincente di Tine Urnaut che ristabilisce la parità sul 9. Modena prova quindi l’allungo trainata dall’opposto azzurro, 11-13 con l’ace di Ivan, ma Monza non perde la concentrazione e impatta rispondendo per le “rime” con la battuta vincente di Dzavoronok (13-13). Equilibrio, punto a punto, ma il canovaccio si ripete, con Christenson che cerca e trova puntuale Zaytsev nei momenti più delicati (3 ace e il 54% di schiacciate positive nel set), l’attacco potente dalla casella 2 vale il 18-20, time out Monza, che pure rimane in scia e impatta sul 21 (errore Zaytsev). Nel finale Urnaut implacabile, dello sloveno l’attacco decisivo. Terzo set. Con il bottino pieno messo nel mirino l’Azimut Leo Shoes spinge subito sull’acceleratore (2-4 Zaytsev, 4-8 ace Urnaut). Il break di 3 punti firmato Anzani e Mazzone (6-11) alimenta le ambizioni modenesi. In questa fase Orduna si appoggia su Plotnytskyi, buona fase della banda ucraina che contribuisce a ridurre il gap con buoni attacchi da posto 4 (11-13 con l’ace di Orduna). Monza mai doma, Plotnytskyi (nei primi due set sottotono) macina attacchi in serie tornando in scia (17-18, 18-19), parità sul 20 (attacco dalla seconda linea out di Bednorz). La Candy Arena “esplode” sull’ace dell’ucraino (22 pari) non meno che sui due muri di Beretta sull’opposto ospite (23 pari). Finale ad alto tasso di emozioni, set aperto, ma chiude i giochi l’attacco di un Urnaut questa sera superlativo. Giulio Masperi
SORA-VIBO VALENTIA x-x () — Segue servizio
SIENA-CASTELLANA x-x () — Segue servizio
Posticipi: Civitanova-Latina e Trento-Milano il 12 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *