Arbitri, il parere dei lettori "Sbagli fanno pensar male"

Arbitri, il verdetto è chiaro. E non lascia spazio a molti dubbi. Abbiamo chiesto ai nostri lettori – mentre la fine del campionato si avvicina – di dire la loro attraverso due sondaggi (senza valore statistico, rilevazioni non basate su un campione elaborato scientificamente) sui tanti casi di errori arbitrali che, tra contestazioni, conflitti tra Var e direttori di gara, ed errori più o meno plateali, hanno dipinto una stagione che sul piano dei fischietti ha lasciato decisamente più ombre che luci.
nel caos — Nel primo dei due sondaggi vi abbiamo chiesto da che cosa dipendesse il caos in cui si trovano i direttori di gara italiani e i tanti incontri condizionati da errori. Secondo più di un lettore su due, sui 3.070 partecipanti al sondaggio (alle 15 di mercoledì 17 aprile) la responsabilità era di “arbitri che fanno pensare male” (53,8% dei voti). Al secondo posto nelle preferenze un “cattivo utilizzo del Var”, scelto come motivo dal 27,4% dei partecipanti, seguito da arbitri ritenuti non all’altezza (12, 4%), dalla formazione e dall’organizzazione di competenza dell’Aia (5%) e dalla “gestione del gruppo” e dalle designazioni(1,3%).
le proteste — Il secondo sondaggio, invece, partiva dagli effetti per risalire alle cause. Il quesito infatti chiedeva i motivi delle contestazioni di presidenti e allenatori e della malafede e sudditanza indicate a più riprese dai tifosi sui social. Qui il responso è stato ancora più netto: secondo il 79,3% dei 3.726 partecipanti (al primo pomeriggio di mercoledì 17 aprile) tecnici, società e tifosi “hanno ragione a protestare: certi errori fanno pensare male”. È il 20,7% a ritenere le lamentele “esagerate”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *